COS’E’ IL MAL DI SCHIENA?

Il mal di schiena è una sensazione dolorosa che si avverte a livello della colonna che può provenire dai muscoli, dal disco, dalle superfici articolari o da altre strutture nella colonna vertebrale.

Il dolore può prendere nomi diversi a seconda di dove è localizzato:

– collo = cervicalgia

– dorso = dorsalgia

– fondoschiena = lombalgia

Il mal di schiena può presentarsi in tanti modi differenti: il dolore può essere costante o intermittente, fisso in un posto o essere riferito o irradiarsi ad altre zone. Può essere accompagnato da altri sintomi come debolezza, sensazione di addormentamento, formicolii e rigidità.

QUALI SONO LE CAUSE DEL MAL DI SCHIENA?

Il mal di schiena può derivare da moltissime cause differenti!

Proviamo ad elencare di seguito le principali cause del dolore alla schiena:

– da sforzo;

– da trauma;

– da postura alterata;

– da fratture vertebrali;

– da alterazioni strutturali della colonna vertebrale (spondilolistesi, scoliosi o di altre asimmetrie della colonna vertebrale);

– da discopatie ed ernie;

– da patologie come la spondiloartropatia infiammatoria (es. spondilite anchilosante, artrite), osteoporosi, tumori, infezioni sistemiche o deficit neurologico persistente.

– da problematiche viscerali

– da debolezza muscolare, sedentarietà;

– da stress e tensioni;

COME SI CURA IL MAL DI SCHIENA?

Proprio poiché non esiste un solo tipo di mal di schiena, occorre prima di tutto identificare la causa che genera il dolore individuando l’alterazione responsabile del dolore, valutando i sintomi e la loro durata, l’età, le posizioni che aggravano i fastidi, le abitudini, lo stile di vita e le condizioni psicologiche del paziente.

Non c’è una cura che vada bene genericamente per “ il mal di schiena” perché non esiste un paziente uguale all’altro: anche a parità di lesione, due persone possono avere sintomi differenti e lo stesso trattamento, su due soggetti distinti, può sortire effetti completamente diversi.

Anche per questo a volte le terapie efficaci in un caso possono risultare inadeguate in un altro simile.

Molto spesso la guarigione è rallentata dalla mancanza di un corretto percorso di diagnosi e cura.

Non servono chissà quali esami diagnostici: molti credono di doversi sottoporre a Tac o Risonanza Magnetica, ma spesso una radiografia della colonna si rivela un ottimo punto di partenza per escludere o confermare possibili cause (o concause) del dolore. La radiografia è inoltre importante per verificare che non ci siano malformazioni o condizioni tali da controindicare certi movimenti, trattamenti o manipolazioni.

CONSIGLI PER CURARE IL MAL DI SCHIENA

Ecco alcuni consigli per alleviare o eliminare il mal di schiena:

1 – Capire cosa provoca il mal di schiena

Far capire al paziente cosa sta succedendo e spiegare il dolore e le sue cause è fondamentale….il paziente deve conoscere a fondo il suo mal di schiena per scoprire che non è “pericoloso” e imparare quello che può mettere in atto per ridurre e controllare le sensazioni dolorose in modo da consentirgli una vita normale.

2- Passata la fase acuta del dolore è fondamentale fare attività fisica

Purtroppo è ancora largamente diffusa l’idea che con il mal di schiena ci si debba “fermare e mettere a letto”. È vero semmai il contrario,il riposo dovrebbe essere limitato ai momenti più acuti di dolore, ma passato questo periodo è bene cercare il più possibile di non farsi limitare nella vita quotidiana.

3 – Vietato farsi prendere dall’ansia

Dopo un episodio di lombalgia o cervicalgia, sopratutto se prolungato, spesso la preoccupazione eccessiva, il dolore e le limitazioni causate dal dolore stesso possono portare a stati di ansia e depressione che non fanno altro che provocare un circolo vizioso da cui purtroppo diventa sempre più complicato uscire.

Ecco perché molto spesso la cura del mal di schiena non può prescindere da una valutazione dello stato psicologico di chi ne soffre!!!

Occuparsi anche del vissuto e delle emozioni del paziente, è una parte essenziale di un trattamento che funzioni!

4 – Vietato essere impazienti

Molto spesso la cura del mal di schiena richiede tempi lunghi!

Nei casi più complessi, dove non è possibile risolvere completamente il dolore, l’obiettivo deve essere ridurre la frequenza delle ricadute e imparare a gestire eventuali nuove «crisi».

«Il mal di schiena ha un impatto diverso a seconda di come lo viviamo e di quanto ce ne facciamo condizionare. Se provoca paura o induce a cambiare comportamenti per non riprovare il dolore, è più probabile che comporti una disabilità o una perdita consistente della qualità di vita. Anche per questo serve tempo.

Per risolvere il problema serve un impegno in prima persona

5 – Prevenire il mal di schiena

Per chi soffre o ha sofferto di mal di schiena è essenziale la prevenzione!

La strategia per prevenire il mal di schiena è molto semplice: abituarsi a praticare una corretta e regolare attività fisica. La sedentarietà infatti è uno dei fattori che più favoriscono il mal di schiena: molto spesso il problema è l’inattività.

Alla fine di una giornata alla scrivania ci sentiamo indolenziti e stanchi, invece quando camminiamo o ci muoviamo un po’ spesso proviamo giovamento, perché la muscolatura si contrae e si producono endorfine, che sono la nostra morfina naturale per farci sentire bene.

La parola d’ordine contro il mal di schiena è muoversi